Scopri prossimi eventi a Cosenza e Provincia

...

  • Apri evento
    25 Mag 8:0026 Mag 19:00
    Cosenza Comics and Games: Il Festival – X Edizione
  • Apri evento
    25 Mag 10:0026 Mag 0:00
    L’AGO IN MOSTRA – III EDIZIONE MOSTRA NAZIONALE DEL RICAMO
  • Apri evento
    25 Mag 10:0026 Mag 20:00
    COSENZA COMICS & GAMES Epicos Cosplay Contest
  • Apri evento
    26 Maggio 14:30 A 17:30
    Escursione e concerto alla chiesetta di San Lorenzo
  • Apri evento
    28 Maggio 16:00 A 18:30
    Racconti, suoni e visioni dalle città invisibili
X

Pubblica qui il tuo evento
area urbanaComunicati Stampa

A Cosenza la presentazione del libro “RIPARTIAMO DALL’ETICA  ATEA, ANTICAPITALISTA, ANTISPECISTA” di Lucio Luciani

Quando: Martedì 30 aprile 2024 alle 18
Dove: “La Base”, via Macallè 17, Cosenza
Interverranno: ALBERTO CUNTO, giornalista, ex operaio Marlane-Marzotto Praia a Mare, CLAUDIO DIONESALVI, mediattivista “il manifesto”, VITTORIA MORRONE, psicologa, FEM.IN., LUCIO LUCIANI, autore. Con intermezzi musicali a cura di PAOLO LUCIANI, musicista

Nel mondo della guerra, un’etica di rottura con l’esistente, che si basa sul sentimento (più che sulla ragione), si fonde con politica ed economia, ma va oltre, estendendosi a tutti i campi delle relazioni, come predisposizione all’incontro e alla convivenza solidaristica.
Un’ETICA ATEA che, tenendo conto dei più recenti risultati acquisiti dalle neuroscienze (svilenti il concetto di libero arbitrio), ambisce all’estasi della coscienza, nel totale disinteresse di improbabili premi ultraterreni;
un’etica ANTICAPITALISTA, che non può accettare un sistema economico fondato sullo sfruttamento del lavoro per il profitto di pochi a scapito dei bisogni della maggioranza;
un’etica ANTISPECISTA, che difenda gli esseri senzienti più indifesi (gli animali), anticipando qui e ora la liberazione, attraverso la radicalità “scandalosa” dell’esistenza.

L’autore

LUCIO LUCIANI nasce a Cosenza nel 1963. Da adolescente è attivo nel movimento cattolico dei Focolari; al liceo diventa ateo e comunista, simpatizzando per Democrazia Proletaria ed i movimenti extraparlamentari di estrema sinistra. Negli anni ’90 la militanza nello Slai Cobas; negli anni della maturità l’interesse speculativo per quell’etica che ha da sempre pervaso la sua più profonda interiorità.