Comunicati StampaStorie

“Non sappiamo più cosa mettere in tavola” la lettera di Roberto da San Lucido

Oggi sono molto giù di morale, ma non voglio perdere la Speranza e cerco in me stesso la voglia di andare avanti.

Scrivo questa lettera perché voglio far sentire la mia voce e credo che questo sia l’unico modo per farlo!!!! Sono Roberto e vivo a San Lucido in provincia di Cosenza, lavoro da quando avevo 13 anni e sono padre di tre figli.

Ho portato e porto avanti la mia famiglia, lavorando onestamente e a testa alta senza l’aiuto di nessuno, perché facendo sforzi sono sempre riuscito a cavarmela da solo. È iniziato tutto dal 13/03/2020 quando per causa del Covid-19 tutto si è fermato!!!! E purtroppo la Ditta con cui lavoro ha dovuto bloccare tutto e cosi io e i miei colleghi ci siamo ritrovati senza lavoro da un giorno all’altro. Siamo stati appesi a un filo con la speranza che tutto questo finisse subito invece non è stato cosi, purtroppo.

Come previsto dallo Stato, la Ditta ha dovuto provvedere alla cassa integrazione, ma trascorsi due mesi ancora non abbiamo visto nulla.

Chiedo a tutte le autorità e istituzioni interessate di provvedere al più presto possibile, affinché questa situazione possa risolversi nei migliori dei modi. Penso che la mia situazione sia quella di molti noi italiani e credo di parlare a nome della maggior parte delle famiglie perché siamo tutti sulla stessa barca (pessima).

Siamo arrivati al punto che non sappiamo più cosa mettere sul tavolo, e sinceramente mi sento a disagio nei confronti dei miei figli, di non poter dare loro quello che hanno sempre avuto, soprattutto il bisogno primario. È vergognoso e drastico portare noi famiglie sul filo del rasoio. Fatevi un esame di coscienza!


Mi auguro che questo mio triste appello venga valutato e preso in considerazione.
Grazie tutti coloro che mi hanno dedicato due minuti.

X
X