area urbanaComunicati StampaCosenza

“LINEA VERDE”, BEPPE CONVERTINI ALLA SCOPERTA DEI TESORI DELLA CALABRIA

La nuova puntata di “Linea Verde” che andrà in onda domani, domenica 15 gennaio alle 12.20 su Rai1,  questa settimana affronterà una sorta di caccia al tesoro. Anzi, “ai tesori”. Si tratta di una serie di eccellenze inerenti al territorio della provincia di Cosenza.

Siamo in Calabria, una terra aspra ma generosa, capace di annoverare una lunga serie di valori sia dell’uomo che della terra. Ed è proprio alla ricerca di questi valori, della tradizione, dell’ingegno, della creatività, della generosità di Madre Terra che Beppe Convertini muove i propri passi raccontando quella che è un’eccellenza assoluta del territorio: il fico di Cosenza, delizia dell’agroalimentare calabrese, con alle spalle un’incredibile storia di selezione e cura contadina. Poi raggiunge la Piana di Sibari, ai piedi del territorio di Corigliano-Rossano, per scoprire l’immenso giardino che vanta moltissime varietà di agrumi, in primis la clementina IGP.


Ma non solo: c’è anche una sosta a Bisignano, dove ancora oggi sopravvive l’antica arte della ceramica. Beppe ci racconta anche i segreti dell’eccellente olio di oliva di Calabria ma anche della magnifica produzione di pecorini sulle colline di San Demetrio Corone, località cara alla comunità Arbereshe di Calabria. Poi fa visita al Convento di San Francesco da Paola a Pedace, dove si fa spiegare l’antica tradizione della Cuccìa, piatto storico locale. Infine, raggiunge il centro storico di Cerisano, dove un giovane studioso ha fatto rivivere l’arte dei suoi avi, ovvero la cesteria e la coltelleria artigianali.
Non mancano due importanti finestre sull’Altipiano della Sila, sui sentieri montani ricchi di storia e natura e con il racconto di una fattoria biologica ad oltre mille metri di quota.


Infine, due partecipazioni calate nella realtà cosentina: Sara Brancaccio, per un delizioso plumcake ai fichi di Cosenza e Ciro Vestita, per un elenco delle virtù medicali contenute nelle bucce degli agrumi.